Bando Emilia Romagna per le imprese in ambito turistico, commerciale, culturale

bemore-turismo-incentivi

Il tuo sito non ti sta portando i clienti che aspetti?

La regione Emilia Romagna finanzia l’innovazione per le aziende, anche il tuo nuovo sito web!

Il bando per il miglioramento dell’attrattività turistica permette ad aziende turistiche e commerciali di accedere a finanziamenti a fondo perduto per sostenere gli investimenti

La regione Emilia Romagna ha aperto un bando per migliorare l’attrattività turistico culturale del territorio, tramite il sostegno a progetti di innovazione presentati da aziende che operano in ambito turistico, commerciale e culturale.

Il contributo può coprire fino al 40% dei costi ammissibili e fra i servizi finanziabili ci sono anche siti internet, ecommerce, e licenze software.

Approfitta di questa opportunità! Contattaci, i nostri servizi sono finanziabili

Di seguito una sintesi del bando, consultabile nella sua interezza sul portale della Regione Emilia-Romagna (http://www.regione.emilia-romagna.it/fesr/opportunita/2016/turismo-commercio-cultura).

BE MORE, in collaborazione con il dott. Pier Carlo Masotti, offre consulenza per la redazione dei progetti, contattateci per aver maggiori informazione sul bando.

FINALITÀ DEL BANDO

I progetti dovranno contribuire a creare nuove opportunità di sviluppo e di occupazione qualificata tramite la realizzazione d’interventi che dovranno contribuire, per la componente turistica, alla Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente cogliendo in particolare le seguenti priorità tematiche:

wellness (turismo balneare, sportivo, emozionale, relax, salute e corretti stili di vita);
– valorizzazione del patrimonio culturale, ambientale e delle città;
– promozione del turismo sostenibile e inclusivo;
– valorizzazione e promozione dell’enogastronomia e delle tradizioni produttive artigianali e locali;
– valorizzazione e promozione della cultura e delle tradizioni culturali, produttive e artigianali locali.

Dovranno caratterizzarsi, dal punto di vista innovativo, e a seconda delle diverse tipologie, per almeno uno dei seguenti aspetti:

– un elevato contenuto creativo e/o di design;
– l’utilizzo delle tecnologie e delle applicazioni digitali;
– l’utilizzo di soluzioni tecnologiche avanzate;
– il collegamento e rapporto con processi di filiera nella logica di integrazione;
– l’applicazione di modelli innovativi rispetto alla comunicazione, alla promozione, all’innovazione sociale, alla inclusione e all’integrazione;
– attivazione o incentivazione di nuovi segmenti di domanda

CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

MISURA AProgetti innovativi per la valorizzazione del settore ricettivo.

MISURA BProgetti innovativi per la valorizzazione del settore del commercio e dei pubblici esercizi.

MISURA CProgetti innovativi per la valorizzazione degli attrattori culturali del settore cinematografico, teatrale, musicale e artistico e per la creazione di nuovi musei d’impresa.

BENEFICIARI DEL FINANZIAMENTO

MISURA A / B / Cimprese individuali, società (di persone, di capitale, cooperative) con caratteristiche di piccole e medie imprese.

SOLO MISURA Cfondazioni e associazioni, entrambe non partecipate da soggetti pubblici.

FORMA SINGOLA O AGGREGATA (A.T.I. e/o di RETI DI IMPRESE c.d.. CONTRATTO).

DIMENSIONE MINIMA DEI PROGETTI

MISURA A

€ 250.000,00 per i progetti presentati in forma singola;
€ 400.000,00 per i progetti presentati in forma aggregata;

MISURA B

€ 50.000,00 per i progetti presentati in forma singola;
€ 150.000,00 per i progetti presentati, in forma aggregata;

MISURA C

€ 50.000,00, per i progetti presentati sia in forma singola che aggregata.

SERVIZI FINANZIABILI

Interventi innovativi:

– per la loro riqualificazione, ristrutturazione e/o ampliamento;
– finalizzati all’offerta di nuovi prodotti/servizi o al loro consolidamento.

C2. Interventi finalizzati alla creazione, all’interno dei locali aziendali, di nuovi musei di impresa e/o di specifici percorsi di visita al processo produttivo.

  1. spese per opere edili, murarie e impiantistiche;
  2. spese per progettazione, direzione lavori e collaudo connessi agli interventi. Tali spese sono riconosciute nella misura massima del 10% del totale delle spese per opere edili, murarie ed impiantistiche;
  3. acquisto di macchinari, attrezzature, impianti opzionali, finiture, arredi e dotazioni informatiche;
  4. acquisto di software e relative licenze d’uso, funzionali all’attività, compresi la realizzazione dei siti internet ed e-commerce, di marchi e/o brevetti;
  5. acquisto di servizi di consulenza finalizzati alla realizzazione del progetto. Tali spese sono riconosciute nella misura massima del 10% del totale delle spese di cui ai punti precedenti.

CONTRIBUTO REGIONALE

a) regime di esenzione di cui all’art. 17 del Regolamento (UE) N. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, il contributo verrà concesso:

– nella misura massima del 20% dei costi ritenuti ammissibili, nel caso di micro e piccole imprese;
– nella misura massima del 10% dei costi ritenuti ammissibili, nel caso di medie imprese;

b) regime de minimis di cui al Regolamento (UE) N. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013, il contributo verrà concesso nella misura minima del 35% e nella misura massima del 40% dei costi ritenuti ammissibili.

L’importo massimo del contributo concedibile, qualunque sia il regime di aiuto prescelto non potrà comunque eccedere la somma complessiva di € 200.000,00. 

Previste maggiorazioni per aumento occupazionale.

TEMPISTICA DI PRESENZAZIONE DELLA DOMANDA

Dalle ore 10:00 del giorno 10/01/2017 alle ore 17:00 del giorno 28/02/2017.

DIMENSIONI IMPRESE

medie imprese:  < 250 occupati,  fatturato annuo < 50 milioni di € e  bilancio annuo < 43 milioni di €;
piccola impresa: < 50 occupati,  fatturato annuo e  bilancio annuo < 10 milioni di €;
microimpresa: < 10 occupati,  fatturato annuo e  bilancio annuo <  2 milioni di €.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *